Cerca nei Posts:
Ricerca avanzata
Sottoscrivi Feeds
RSS | ATOM | RDF
Seguici
su Facebook

Archivi dei Posts

AVVERTIMENTO SUL RISCHIO DIPENDENZA DA GIOCO D'AZZARDO

La legge impone che nella pubblicità dei giochi con vincite in denaro siano presenti "formule di avvertimento sul rischio di dipendenza dalla pratica del gioco". Ma quest'obbligo viene rispettato?


 Dal primo gennaio 2013, la legge (n. 189/2012) vieta la pubblicità dei giochi con vincite in denaro nella quale manchino "formule di avvertimento sul rischio di dipendenza dalla pratica del gioco".

La pubblicità, per essere lecita, deve avvertire le persone, in modo chiaro, che giocando rischiano di ammalarsi, come per il tabacco ("il fumo provoca il cancro").

Sembrerebbe facile rispettare questa prescrizione, basterebbe utilizzare una formula del tipo: attenzione, se giochi rischi di ammalarti.

Lottomatica tuttavia ha preferito "personalizzare" il proprio messaggio pubblcitario. Se vi è capitato di vedere in televisione la pubblicità del gioco "10 e lotto" (quella con Claudio Bisio) avrete notato che alla fine dello spot compare la frase:

GIOCARE TROPPO PUO' CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA


Il concessionario ha inserito nel proprio messaggio pubblicitario un semplice aggettivo, apparentemente innocuo: "troppo". "Giocare troppo può causare dipendenza patologica".

L'aggettivo, però, rende il messaggio ingannevole, attribuendo alla pubblicità un significato completamente diverso, opposto a quello che la legge richiede.

L'avvertimento "chi gioca può ammalarsi" viene sostituito da "chi gioca troppo può ammalarsi". Posto in questi termini, il messaggio significa: se non giochi troppo non devi preoccupartri, non ti puoi ammalare, solo chi gioca troppo corre dei rischi, quindi puoi abbassare la guardia .

Nella pubblcità del "dieci e lotto", il rischio della dipendenza non è più collegato, come vuole la legge, alla pratica del gioco, ma ad una sua modalità, tra l'altro di difficile definizione: giocare troppo . Ma, quando si gioca troppo? E chi decide quando è troppo?

L'ingannevolezza a noi sembra evidente, anche perché giocare troppo è già una manifestazione di gioco patologico: chi gioca troppo è già ammalato .

Per questo motivo abbiamo denunciato la pubblicità del gioco "dieci e lotto" all'AGCM e segnalato il messaggio ai Monopoli per l'eventuale applicazione di una sanzione ammnistrativa a carico del gestore.

La denuncia e la segnalazione sono allegati a questo post, nel caso che qualcuno voglia sostenere l'iniziativa. Basta ricopiare le denunce, completarle con il proprio nome, indirizzo, data e firma e spedirle con raccomandata a AGCM e AAMS.

Continuate a seguirci.

Allegati:


  • "REPORT G&V 2018. "
    16/06/2018 08:00

    VINCI UN MILIONE DI PREMI E RESTI POVERO

  • "PASSIONE GRATTA & VINCI"
    29/05/2018 09:22

    RECENTI STUDI CONFERMANO CHE I GRATTA & VINCI SONO IL GIOCO D'AZZARDO PIÙ AMATO DAGLI ITALIANI

  • "COS'E' IL GIOCO D'AZZARDO"
    30/04/2018 17:08

    IL GIOCO D'AZZARDO NON È UN INNOCUO PASSATEMPO, SOMIGLIA PIUTTOSTO A UN PERICOLOSO LABIRINTO

  • "L'INVASIONE DEGLI "ULTRACORPI""
    27/02/2018 09:32

    QUANTE SONO LE LOTTERIE ISTANTANEE ATTIVE OGGI, QUANTI BIGLIETTI DISTRIBUISCONO E QUALE PROBABILITÀ DI VINCITA ASSICURANO?

  • "LA FOTOGRAFIA DELLA DIPENDENZA"
    20/02/2018 09:09

    IL DATO DELLA "RACCOLTA" RAPPRESENTA UNA ISTANTANEA DEL PERICOLO DIPENDENZA DA GIOCO D'AZZARDO, ECCO PERCHÉ È STATA CANCELLATA E SOSTITUITA DALLA "SPESA"

  • "I MONOPOLI OSCURANO LA "RACCOLTA""
    27/01/2018 11:02

    I MONOPOLI FANNO SPARIRE IL DATO DELLA RACCOLTA DALLA COMUNICAZIONE DEI DATI SUL GIOCO

  • "AZZARDO E TUTELA DELLA SALUTE"
    20/01/2018 10:13

    FIRMIAMO LA PETIZIONE PER COSTRINGERE LA LORENZIN A PROMUOVERE UNA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SUL GIOCO D'AZZARDO, COME PER IL FUMO E ALTRE EMERGENZE SANITARIE

  • "RIPROVA, SARAI PIÙ FORTUNATO"
    15/01/2018 10:25

    CI SONO 51 LOTTERIE ISTANTANEE ATTIVE, TUTTE IN GRADO DI ASSICURARE UN MARGINE DI GUADAGNO SIGNIFICATIVO ... AL CONCESSIONARIO E AI MONOPOLI, A SPESE DEI GIOCATORI

created by: Paolucci Simone