Cerca nei Posts:
Ricerca avanzata
Sottoscrivi Feeds
RSS | ATOM | RDF
Seguici
su Facebook

Archivi dei Posts

LA PROBABILITÀ DI VINCITA ALLE "MACCHINETTE"

LA PROBABILITÀ INDICA, IN RELAZIONE AL VERIFICARSI DI UN EVENTO, IL RAPPORTO TRA IL NUMERO DEI CASI FAVOREVOLI E QUELLO DEI CASI POSSIBILI


 La conoscenza della reale probabilità che un evento si verifichi costituisce di norma un criterio di ragionevolezza per guidare le nostre scelte, una garanzia per evitare di illudersi, sopravvalutando le nostre chances.

Il decreto Balduzzi, a tutela della salute dei giocatori, impone di indicare nella pubblicità dei giochi con vincite in denaro, nonché sulle schedine e sui tagliandi di essi, la probabilità di vincita riconosciuta nel singolo gioco ai giocatori.

L'osservanza della norma in esame da parte dei concessionari non può considerarsi rigorosa, tutt'altro, anche a causa dell'atteggiamento corrivo in materia da parte dell'aams.

Abbiamo denunciato in molte occasioni il sistema con cui concessionario e monopoli indicano la probabilità di vincita sui tagliandi g&v, per "fascia di premio". Solo per i g&v la probabilità di vincita non viene indicata in relazione ai singoli premi in palio, ma accorpando premi di diverso importo in fasce.

Questo sistema implica, ad esempio, che sui biglietti dell'ultimo g&v la probabilità di vincere un premio da 500 euro sia indicata come 1 ogni 3,66 biglietti vincenti, mentre in realtà la probabilità di vincere il premio da 500 euro è di 1 ogni 163.200 biglietti vincenti, quasi 45 mila volte più bassa.

Per alcuni giochi con vincite in denaro, e tra i più pericolosi, la probabilità di vincita, non viene indicata affatto, non si sa per quale ragione, o forse sì.

Ai giocatori, infatti, non è dato sapere quale sia la probabilità di aggiudicarsi un premio giocando alle newslot o alle vlt. In sostituzione di questo dato che, secondo l'intenzione del legislatore, dovrebbe avere una funzione moderatrice sui giocatori, evitando facili illusioni e l'eccessiva pratica del gioco d'azzardo, i monopoli hanno sostituito il criterio di i indicare, sul sito, la "percentuale di restituzione".

Questo criterio non è previsto nel decreto Balduzzi, che impone l'indicazione della probabilità di vincita o, quando la stessa non sia definibile, prescrive di indicare "la percentuale storica per giochi similari".

Senza alcun riferimento alla percentuale di restituzione , la cui indicazione, in evidente contrasto con la ratio legis, invece di funzionare da elemento di valutazione e moderazione per il giocatore, assume la funzione di ulteriore incentivo al gioco d'azzardo. Altro è dire che la probabilità di vincere un premio (?) pari alla puntata è 1 su 10, altro dire che il gioco restituisce l'80% della raccolta.

Eppure il meccanismo di funzionamento delle infernali "macchinette" è governato, come in tutti gli altri giochi, da uno spietato algoritmo matematico, in base al quale sarebbe possibile definire la probabilità di vincita dei singoli premi, prestando così osservanza alla legge.

I monopoli, invece, ignorando cinicamente le esigenze di tutela della salute dei giocatori, che ispirano la norma, hanno preferito "inventare", per le macchinette, il criterio della percentuale di restituzione, così da spingere i giocatori alla pratica del gioco d'azzardo, anche attraverso questa indicazione inutile, anzi dannosa.

Postato il 24/05/2017 14:38 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 2401 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: gioco d'azzardo - slot machine - VLT - probabilità di vincita

  • "IL NEMICO PUBBLICO N. 1"
    07/09/2017 15:17

    IL GIOCO D'AZZARDO, DEFINITO IPOCRITAMENTE "GIOCO CON VINCITE IN DENARO", RAPPRESENTA ORMAI UNA VERA EMERGENZA NAZIONALE, UNO DEI PIÙ GRAVI ATTENTATI ALLA VITA DELLE PERSONE, COMPRESA LA SALUTE

  • "TI PIACE VINCERE FACILE? "
    31/08/2017 16:15

    I "NUMERI" SVELANO LE RAGIONI DEL SUCCESSO DELLE LOTTERIE ISTANTANEE MA ANCHE DELLA LORO PERICOLOSITÀ

  • "G&V: IL KILLER SILENZIOSO"
    24/08/2017 11:20

    IL GIOCO D'AZZARDO, IN GENERALE, E I GRATTA E VINCI, IN PARTICOLARE, SONO COME L'IPERTENSIONE ARTERIOSA, UN KILLER SILENZIOSO DI CUI SI SOTTOVALUTA IL PERICLO FINO A CHE NON E' TROPPO PTARDI

  • "IL MILIARDARIO"
    18/08/2017 09:21

    IL BIGLIETTO DEL G&V "IL MILIARDARIO" RAPPRESENTA UN PERFETTO "CATALOGO" DEGLI INGANNI NASCOSTI NELLE LOTTERIE ISTANTANEE

  • "IL GIOCO D'AZZARDO PIÙ INSIDIOSO CHE CI SIA"
    27/07/2017 09:28

    I GRATTA & VINCI SONO IL GIOCO D'AZZARDO PIÙ INSIDIOSO CHE CI SIA SUL MERCATO, CAPACI DI TRASCINARE CHIUNQUE VERSO LA DIPENDENZA

  • "PICCOLE VINCITE: L'ILLUSIONE CHE PORTA AL DISASTRO"
    21/07/2017 10:37

    PER FARE PREVENZIONE E CONTRASTARE IL PERICOLO DI GAP, I MONOPOLI DOVREBBERO MODIFICARE LA STRUTTURA PREMI DEI GIOCHI CON VINCITE IN DENARO

  • "AZZARDO E DIPENDENZA"
    13/07/2017 15:03

    IL VERO FATTORE CRITICO DI SUCCESSO DEL BUSINESS DEL GIOCO D'AZZARDO È LA DIPENDENZA

  • "L'ILLEGALITÀ DELL'AZZARDO LEGALE"
    06/07/2017 16:08

    LA PROBABILITÀ DI VINCITA DEI PREMI DELL'ULTIMA LOTTERIA ISTANTANEA NON VIENE INDICATA NEPPURE SUL SITO DEI MONOPOLI

created by: Paolucci Simone