Cerca nei Posts:
Ricerca avanzata
Sottoscrivi Feeds
RSS | ATOM | RDF
Seguici
su Facebook

Archivi dei Posts

Ricerca per tag: 'prevenzione'

LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO CONTE

UNA MISURA DI PREVENZIONE EFFICACE E IMMEDIATA PER FRONTEGGIARE L'EMERGENZA SOCIALE RAPPRESENTATA DAL GIOCO D'AZZARDO


 Illustrissimo Signor Presidente,
il gioco d'azzardo rappresenta ormai una vera e propria emergenza nazionale.

Il Suo Governo ha mostrato sensibilità verso la situazione di pericolo, anche per la salute delle persone, che la pratica del gioco d'azzardo comporta, vietandone la pubblicità nel primo provvedimento emanato, oltre a dettare altre misure regolatorie.

E' innegabile che nel settore esista una deficit informativo, soprattutto in ordine ai divieti e ai rischi che lo caratterizzano, anche grazie a una comunicazione omissiva e ingannevole, affidata agli stessi operatori del gioco d'azzardo.

Ci sono, in particolare, due aspetti dell'azzardo la cui comunicazione, pur essendo obbligatoria per legge, è oggi affidata agli stessi operatori del gambling, che la forniscono in maniera sciatta e inefficace, al termine degli spot.

"Ilgiocoèvietatoaiminoriepuòcausaredipendenzapatologica" è un mantra ripetuto velocemente e senza alcuna reale efficacia deterrente. Eppure la formula riguarda due aspetti assolutamente strategici, come il divieto di gioco d'azzardo ai minori e il rischio dipendenza che la sua pratica comporta.

Atteso quanto sopra, Le segnalo l'opportunità/necessità di una campagna di comunicazione istituzionale da trasmettere sulle reti televisive e radiofoniche nazionali, sulla stampa e i canali informatici, digitali e telematici, compresi i social media sul modello tipo di quelle recentemente trasmesse per contrastare il tabagismo, o altre emergenze gravi.

Nell'attesa della riforma complessiva in materia di giochi pubblici, promessa nel decreto dignità, in grado di assicurare l'eliminazione dei rischi connessi al disturbo da gioco d'azzardo, una campagna di comunicazione istituzionale rappresenterebbe uno strumento capace di innalzare il livello di consapevolezza nel settore, elevando altresì il tasso di legalità.

Preciso che la stessa richiesta, a tutela della salute e dei minori, è stata avanzata numerose volte al precedente Governo, senza esito.

Con i migliori ossequi.

Avv. Osvaldo Asteriti

Postato il 03/10/2018 09:41 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 2573 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: GIOCO D'AZZARDO - DIPENDENZA - DIVIETO AI MINORI - PREVENZIONE

LA PREVENZIONE DEL GIOCO D'AZZARDO

UN RUOLO DECISIVO NELL'AZIONE DI PREVENZIONE E CONTRASTO AL GIOCO D'AZZARDO SPETTA AI COMUNI


 L'offerta di gioco d'azzardo da parte dei monopoli è diventata enorme, come riconosciuto dallo stesso On. Baretta, in più occasioni.

La riduzione promessa dal Governo non convince per le seguenti ragioni: promette di ridurre solo le slot machine, la punta dell'iceberg del problema azzardo, senza ridurre, ad esempio, le più pericolose vlt o altri tipi di gioco d'azzardo.

Elimina le slot anchine dagli esercizi generalisti secondari, come alberghi, ristoranti, edicole, stabilimenti balneari, per concentrarle in sale dedicate che, una volta ottenuta la certificazione, non dovranno neppure osservare la disciplina in materia di distanze dai luoghi sensibili.

Più che una riduzione, sembra piuttosto un "efficientamento" del sistema, a fini di maggiore redditività dello stesso, rimuovendo macchine da luoghi poco remunerativi per concentrarle in luoghi ad alta redditività, dimenticando che la finalità della promessa riduzione dell'offerta dovrebbe essere la tutela della salute dei giocatori.

Partendo dalla premessa che dalla politica, anche in materia di gioco d'azzardo, non arriva niente di buono, occorre domandarsi cosa si può fare, concretamente, per fronteggiare questa abnorme offerta di azzardo, che rappresenta una reale minaccia per la salute delle persone.

Credo che una funzione centrale, strategica, in questa azione di contrasto al gioco d'azzardo spetti ai Comuni, come Enti esponenziali degli interessi e dei diritti dei propri amministrati, da svolgere secondo due modalità principali, entrambe importanti.

Da una parte, la promozione di iniziative di sensibilizzazione dei cittadini in merito al gioco d'azzardo in generale, per metterne in luce le insidie che nasconde e i pericoli per la salute che la sua pratica comporta, al fine di trasformare l'attuale regime "consenso disinformato", che lo caratterizza, in un sano "dissenso informato".

Dall'altra, appropriarsi o riappropriarsi della potestà provvedimentale, riconosciuta loro dalla legge, per regolare alcuni aspetti relativi alla presenza e all'offerta di gioco d'azzardo sul territorio comunale, con particolare riferimento alle sale gioco dove sono allogate slot machine.

Provvedimenti che fissino la distanza minima delle sale gioco dai luoghi sensibili, da determinare secondo criteri di ragionevolezza e, comunque, in funzione delle esigenze di tutela degli interessi e dei diritti dei cittadini e che regolino l'orario di apertura delle sale in cui viene offerto gioco d'azzardo.

A tutti coloro che gridano al proibizionismo ogni qualvolta si tenti di regolare l'offerta dell'azzardo, citando la libertà di iniziativa economica privata, ricordo che l'articolo 41 della Costituzione effettivamente al primo comma fissa tale principio, tuttavia al secondo, sempre dimenticato, precisa che la stessa "non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana".

Postato il 06/10/2017 10:28 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 3560 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: gioco d'azzardo - prevenzione - slot machine - comuni

IL GOVERNO DELL'AZZARDO

A BREVE VERRÀ APPROVATO DAL GOVERNO IL DECRETO IN MATERIA DI GIOCO D'AZZARDO, PREVISTO DALLA LEGGE DI DELEGA FISCALE


 Dopo oltre due anni dal Decreto Balduzzi, mai completamente applicato, tutti attendono con ansia il decreto in materia di giochi con vincite in denaro in fase di emissione da parte del Governo, in base alla delega contenuta nell'articolo 14 della legge 11 marzo 2014, n 23.

Dalle prime indiscrezioni sul testo ...


CONTINUA A LEGGERE

Postato il 25/03/2015 15:47 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 4006 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: Gioco d'azzardo - decreto delegato giochi - legge delega fiscale - prevenzione GAP - tutela minori

IL GOVERNO DELL'AZZARDO

A BREVE VERRÀ APPROVATO DAL GOVERNO IL DECRETO IN MATERIA DI GIOCO D'AZZARDO, PREVISTO DALLA LEGGE DI DELEGA FISCALE


 Dopo oltre due anni dal Decreto Balduzzi, mai completamente applicato, tutti attendono con ansia il decreto in materia di giochi con vincite in denaro in fase di emissione da parte del Governo, in base alla delega contenuta nell'articolo 14 della legge 11 marzo 2014, n 23.

Dalle prime indiscrezioni sul testo, tuttavia, sembra molto probabile che anche in questa occasione la montagna partorirà il topolino.

Sebbene la delega prescriva l'adeguamento della normativa delegata "all'esigenza di prevenire i fenomeni di ludopatia ovvero di gioco d'azzardo patologico e di gioco minorile... " le priorità e gli interessi che emergono dalla bozza sembrano del tutto altri.

Da una parte la volontà di azzeramento della normativa regionale emanata per regolamentare il gioco d'azzardo legale a livello locale, dall'altra l'esigenza di respingere le istanze di Comuni e Regioni per un "decentramento" di potere a livello territoriale nei procedimenti autorizzativi in materia di apertutra di nuove sale giochi.

Il "bilanciamento degli interessi" viene tentato attraverso l'allocazione di risorse. La bozza di decreto prevede un fondo, pare di 200/250 milioni di euro annui, da destinare a Regioni, Comuni, enti di formazione e associazioni, per "compensarli" della perdita di potere a livello locale .

Anche le norme sulla pubblicità non avranno alcun reale impatto sulla comunicazione del gioco legale, limitandosi a vietare la pubblicità dell'azzardo ... illegale , e forse a limitarla nella fascia protetta, come peraltro già previsto dalla legge di delega, prima dello sciagurato emendamento introdotto dal Senato.

Ma la prevenzione del GAP e la tutela dei minori?

La bozza non sembra preoccuparsene, ignorando qestioni come i meccanismi dei giochi capaci di creare dipendenza, la mancanza di trasparenza e correttezza nella comunicazione, anche pubblicitaria dei giochi, i profili di illegalità presenti nella loro disciplina, la mancanza di attenzione verso le esigenze di tutela della salute dei giocatori, la mancanza di tutela dei minori.

L'emanando decreto, più che orientato a prevenire il GAP e tutelare i minori, principi che per il Governo appaiono rinunciabili, sembra perseguire la logica gattopardesca di "cambiare tutto per non cambiare niente", offrendo come contropartita della conservazione dello status quo una ridistribuzione delle entrate generate dai giochi.

Postato il 25/03/2015 15:39 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 3419 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: gioco d'azzardo - decreto delegato giochi - legge delega fiscale - prevenzione GAP - tutela minori

Pag. 1 di 1
  • "G&V: I NUMERI DEL 2018"
    12/12/2018 14:52

    NEI NUMERI DEI GRATTA E VINCI SI SCORGONO LE RAGIONI DELLA DIPENDENZA DA GIOCO D'AZZARDO E I MECCANISMI CHE LA FAVORISCONO

  • ""SISTEMA" GRATTA & VINCI"
    05/11/2018 09:45

    IL FATTORE CRITICO DI SUCCESSO DEL GIOCO D'AZZARDO È LA DIPENDENZA, COME DIMOSTRANO I NUMERI DEI GRATTA & VINCI

  • "ALLARME AZZARDO"
    21/10/2018 09:47

    LO STUDIO DELL'ISS FORNISCE UNA FOTOGRAFIA DRAMMATICA E ALLARMANTE DEL FENOMENO DEL GIOCO D'AZZARDO IN ITALIA, ANCHE MINORILE

  • "RACCOLTA, SPESA E GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO"
    15/10/2018 10:36

    LA COMUNICAZIONE IN MATERIA DI GIOCO D'AZZARDO STA DIVENTANDO SEMPRE PIU' OMISSIVA E INGANNEVOLE, PER MASCHERARE IL REALE PERICOLO DI DIPENDENZA CHE IL GIOCO D'AZZARDO COMPORTA

created by: Paolucci Simone