Cerca nei Posts:
Ricerca avanzata
Sottoscrivi Feeds
RSS | ATOM | RDF
Seguici
su Facebook

Archivi dei Posts

Ricerca per tag: 'pericolo per la salute'

IL PERICOLO NASCOSTO NEI GRATTA E VINCI

A parte la pericolosità propria di qualsiasi gioco d'azzardo, c'è un aspetto dei gratta e vinci che, come abbiamo segnalato molte volte, riteniamo particolarmente insidioso, nascosto nello stesso meccanismo di gioco, nella composizione del montepremi.


 L'ultima lotteria istantanea lanciata sul mercato dai monopoli si chiama "Arriba la Fortuna" e, come le altre, presenta anch'essa questa caratteristica molto pericolosa.

Distribuisce, come primo lotto, 50.400.000 biglietti e il prezzo del biglietto è di 5,00 euro. La massa premi corrispondente ai biglietti distribuiti è di euro 176.330.000,00, pari al 69.9% dell'incasso della vendita di tutti i biglietti, cioé euro 252.000.000,00.

La struttura premi prevede 7 premi da 500.000,00 euro, che hanno la funzione di specchietto per le allodole e 14.372.400 premi da 5,00 euro , con un certo numero di premi intermedi, come si potrà verificare dall'allegato stralcio del decreto istitutivo.

Il concessionario per pagare i premi, che corrispondono al 69,9% del ricavato della vendita dei biglietti, trattenendo il 30,1%, ha l'assoluta necessità di vendere tutti i biglietti. Se non ci riesce, perde dei soldi.

Ma che stratagemma può usare per assicurarsi di raggiungere il proprio obiettivo economico e quali interessi è disposto a sacrificare pur di ottenere lo scopo?

La risposta alla prima domanda è facile: milioni di premi pari al prezzo del biglietto o poco di più. Nella lotteria "Arriba la Fortuna" il 40,73% del montepremi è costituito da "premi" da 5,00 euro, il 20,89% da premi da 10,00 euro e il 5,7% da premi da 15,00 euro. Potremmo continuare con i premi da 20,00 euro, da 50,00 euro, etc.

Complessivamente il 67,3% dell'intero montepremi viene distribuito mediante premi da 5,00 a 15,00 euro che hanno il solo scopo di essere immediatamente rigiocati, cercando di afferrare la fortuna che nel nostro caso vale 1 possibilità su 7.200.000 (7 premi su 50.400.000 biglietti), facendo così aumentare le vendite dei biglietti.

Giocare 5,00 euro e vincere un premio dello stesso importo non è, come potrebbe sembrare, una transazione a "saldo zero", in cui il giocatore e il gestore né vincono, né perdono.

Cercheremo di chiarire nel prossimo aggiornamento le implicazioni di questo meccanismo di gioco e soprattutto quali interessi, del giocatore, risultano sacrificati.

A presto.

Allegati:


Postato il 30/05/2013 17:10 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 5376 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: gratta e vinci - lotterie istantanee - lotteria Arriba la Fortuna - montepremi - pericolo per la salute

GIOCO D'AZZARDO E DIPENDENZA

E' ufficiale: il gioco d'azzardo fa male alla salute, lo dice la legge.



La legge n. 189 dell'8 novembre 2012, che ha convertito il D.L. 158 del 13 settembre, riconosce che il gioco d'azzardo può causare dipendenza.

Era ora. Ci sono voluti quasi un milione di ammalati perchè lo Stato ammettesse che il gioco d'azzardo è pericoloso per la salute e decidesse di avvertire i giocatori del rischio che corrono.

La legge prescrive che i messaggi pubblicitari concernenti il gioco d'azzardo debbano contenere "formule di avvertimento sul rischio di dipendenza dalla pratica del gioco " e lo stesso avvertimento dovrà comparire su schedine e tagliandi dei giochi, sempre che le dimensioni degli stessi lo consentano.

La norma entrerà in vigore il primo gennaio 2013. E' scandaloso che un semplice obbligo di avvertenza contro un rischio per la salute grave, attuale e concreto, come quello della dipendenza, non venga imposto immediatamente, ma differito ancora nel tempo.

Il decreto legge, che già prevedeva tale obbligo, è del 13 settembre, mentre la legge di conversione è dell'8 novembre:si perdono così sei mesi per rendere operativo l'obbligo di avvertire i giocatori del rischio per la loro salute.

In realtà, si sono persi diversi anni, visto che tale obbligo era già previsto da una norma di legge.

Il Codice del consumo, D.L.vo 206/2005, ritiene ingannevole e quindi vieta la pubblcità e qualsiai altro tipo di comunicazione relativi a prodotti pericolosi per la salute, nel caso che non avverta i consumatori del rischio che corrono.

Ma, evidentemente,gli interessi economici dello Stato sono ritenuti prevalenti rispetto alle esigenze di tutela della salute dei cittadini.

Nel caso, lo Stato si è limitato ad un intervento superficiale e di bandiera, senza fronteggiare il pericolo dipendenza in maniera seria e efficace, affrontando, ad esempio, il problerma della frequenza di gioco.

Il WFL, introdotto nel 2009, con un'estrazione ogni ora dalle 7 alle 22, attualmente prevede tre modalità di gioco diverse per le quali ci sono estrazioni ogni cinque minuti, dalle 7 alle 23,55 di tutti i giorni.

Il "Dieci e lotto" effettua estrazioni ogni cinque minuti alle 5 alle 24,00, tutti i giorni.

Tutte le lotterie istantanee, hanno una strutura premi finalizzata esclusivamente a spingere il giocatore alla ripetizione della giocata.

Il montepremi dell'ultima, "Regali di Natale", contiene 6 premi massimi e 15.061.680 premi da 5 euro, pari al costo del biglietto.

Ricordiamo che la disciplina dei giochi d'azzardo è dettata con decreti del direttore generale dei Monopoli di Stato.

La recente legge detta norme anche in materia di pubblicità. Ma questo è un altro argomento e ce ne occuperemo la prossima volta.

Seguiteci.






Postato il 20/11/2012 18:41 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 8278 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: gioco d'azzardo - dipendenza - salute - gratta e vinci - pubblicità - pericolo per la salute

Pag. 1 di 1
  • "DAL GIOCO D'AZZARDO AL GAP"
    15/11/2017 10:15

    NELLA LORO COMUNICAZIONE, FALSA E INGANNEVOLE, IN MATERIA DI GIOCO D'AZZARDO, I MONOPOLI MILLANTANO LA CATEGORIA DEL GIOCO RESPONSABILE, SENZA AVVERTIRE I GIOCATORI DEI REALI RISCHI CHE CORRONO

  • "LA PROBABILITÀ DI PERDITA NEI G&V"
    20/10/2017 16:42

    INVECE DELLA PROBABILITÀ DI VINCITA, COMUNQUE NON INDICATA, SUI BIGLIETTI GRATTA & VINCI DOVREBBE ESSERE INDICATA LA PROBABILITÀ DI PERDITA

created by: Paolucci Simone