Cerca nei Posts:
Ricerca avanzata
Sottoscrivi Feeds
RSS | ATOM | RDF
Seguici
su Facebook

Archivi dei Posts

Ricerca per tag: 'legge di delega fiscale'

L'AZZARDO C'È MA NON SI DICE

CON LE PAROLE "COSTRUIAMO" IL MONDO. E' PER QUESTA RAGIONE CHE NEL LESSICO DEI MONOPOLI E DEI CONCESSIONARI LA PAROLA AZZARDO È BANDITA, PER FAR DIMENTICARE CHE I "GIOCHI CON VINCITE IN DENARO" SONO AZZARDO


 In questi giorni viene trasmessa in televisione, con Totti come testimonial, la pubblicità del "dieci e lotto", una delle espressioni più pericolose dell'azzardo, con le sue 288 estrazioni al giorno, una ogni cinque minuti.

Nello spot non viene mai menzionato l'azzardo, pur essendo il vero oggetto della pubblicità che invece si conclude con il messaggio "questo sì che è un gioco!"


... CONTINUA A LEGGERE


L'AZZARDO C'È MA NON SI DICE

CON LE PAROLE "COSTRUIAMO" IL MONDO. E' PER QUESTA RAGIONE CHE NEL LESSICO DEI MONOPOLI E DEI CONCESSIONARI LA PAROLA AZZARDO È BANDITA, PER FAR DIMENTICARE CHE I "GIOCHI CON VINCITE IN DENARO" SONO AZZARDO


 In questi giorni viene trasmessa in televisione, con Totti come testimonial, la pubblicità del "dieci e lotto" , una delle espressioni più pericolose dell'azzardo, con le sue 288 estrazioni al giorno , una ogni cinque minuti.

Nello spot non viene mai menzionato l'azzardo, pur essendo il vero oggetto della pubblicità che invece si conclude con il messaggio "questo sì che è un gioco !"

Un vwero inganno. Usare il termine "gioco" per indicare l'azzardo , al fine di non suscitare la doverosa cautela delle persone, rappresenta una vera e propria operazione di "mistificazione culturale", ingannevole e pericolosa.

Ma non è solo la pubblicità a "negare" l'azzardo. Cosa ancora più grave, la stessa "omissione" caratterizza anche il lessico delle norme che si occupano del fenomeno , ufficialmente per regolamentarlo e renderlo meno pericoloso.

Nell'articolo 14 della legge di delega fiscale , significativamente intitolato "Giochi pubblici" , la parola "giochi " compare 11 volte , 7 volte il termine "giochi pubblici ", 21 volte la parola "gioco " e soltanto 2 volte gioco d'azzardo , entrambe le volte però nella locuzione "gioco d'azzardo patologico ", come a voler significare che il gioco è una cosa, il gioco d'azzardo un'altra .

Nell'articolo 7 del decreto Balduzzi , che si occupa di azzardo, per tutelare la salute dei giocatori, la stessa "rimozione": 11 volte la parola "gioco ", 2 volte "giochi pubblici ", 9 volte la locuzione "giochi con vincite in denaro " e 8 volte il termine "giochi ". Il "gioco d'azzardo " compare una sola volta , anche qui associato alla dipendenza grave, ma secondo alcuni in questo caso il termine non si riferirebbe neppure ai "giochi" dei monopoli.

In fondo, sembra più "onesto" il tentativo di "occultamento" tentato dalla campagna "Mettiamoci in gioco" e Sistema Gioco Italia di Confindustria, nel protocollo d'intesa siglato recentemente, in cui la locuzione usata "gioco con alea con posta in denaro " anche se nega l'azzardo ne indica almeno gli elementi costituivi, visto che la legge definisce giochi d'azzardo quelli caratterizzati dal fine di lucro e dall'alea.

La legge si limita a negare l'azzardo, relegandolo nel campo del gioco illegale, anche se i "giochi" proposti dai monopoli, le slot machine, i gratta & vinci, il Win for life e tutti gli altri, sono azzardo, e le loro caratteristiche "strutturali" sono in grado di mettere repentaglio la salute di chi li pratica.

Postato il 25/11/2014 10:24 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 3896 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: gioco d'azzardo - dieci e lotto - slot machine - gratta & vinci - pubblicità - decreto Balduzzi - legge di delega fiscale

DELEGA FISCALE E DIVIETO DI PUBBLICITÀ DEI GIOCHI D'AZZARDO

LA LEGGE DI DELEGA AL GOVERNO IN MATERIA FISCALE È STATA APPROVATA. CONTIENE ANCHE ALCUNE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GIOCHI D'AZZARDO. SALUTATA CON ESPRESSIONI DI GIUBILO QUELLA CHE RIGUARDA LA PUBBLICITÀ DEL GIOCO D'AZZARDO.


 L'articolo 14 della legge di delega fiscale impegna il Governo, tra l'altro, ad attuare, entro un anno, la "introduzione del divieto di pubblicità nelle trasmissioni radiofoniche e televisive nel rispetto dei principi sanciti in sede europea relativi alla tutela dei minori per i giochi con vincita in denaro che inducono comportamenti compulsivi ".

"Con questa mossa, ancora una volta viene gettato fumo negli occhi dei giocatori, perpetrando ai loro danni l'ennesimo inganno".

La norma è stata formulata in modo da renderla di impossibile o almeno di difficilissima applicazione, e pone molte più questioni di quante ne risolva.

Il divieto della pubblicità, posto esclusivamente a tutela dei minori, riguarda infatti solo i giochi con vincite in denaro "che inducono comportamenti compulsivi ".

Viene da chiedersi chi e come deciderà, aggiungerei anche in quanto tempo, quali siano i giochi che inducono comportamenti compulsivi, rispetto a quelli che, invece, non li inducono.

Certamente non sarà sufficiente la convinzione dei più circa la pericolosità di alcuni di essi a farne vietare la pubblicità. Per arrestare Al Capone fu necessario condannarlo per reati fiscali, non essendo ovviamente sufficiente l'opinione comune che lo considerava un pericolosissimo gangster.

Occorreranno lunghi e rigorosi studi scientifici, da parte di una commissione istituita ad hoc, in grado di attestare, senza ombra di dubbio, la "compulsività" dei giochi .

Basta questo per immaginare come e in quanto tempo potrà essere risolta la questione, si pensi ad esempio, solo alla nomina dei membri della commissione. La vicenda Stamina rappresenta un valido termine di paragone.

Esaurita questa fase, i giochi "che inducono comportamenti compulsivi ", dovranno essere inseriti in un provvedimento normativo. Un provvedimento che dovrà essere adottato dal Ministero della Salute, di concerto con i Ministeri economici, sentito il parere di un comitato scientifico, acquisito il parere, vincolante ma non obbligatorio, di un qualche osservatorio ...

Insomma, parlare di "Vittoria!" o di "divieto di pubblicità" rappresenta una vera mistificazione, anche perché la disciplina in materia contenuta nel Decreto Balduzzi era più stringente e soprattutto ... immediatamente applicabile.

Invitiamo chi nutrisse scetticismo sul contenuto del post a leggere l'interessante articolo allegato.

A presto.

Allegato:


Postato il 06/03/2014 16:32 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 3707 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: legge di delega fiscale - gioco d'azzardo - divieto pubblicità

Pag. 1 di 1
  • "GRATTA & VINCI ... UNA DIPENDENZA"
    11/09/2019 10:53

    LA DIPENDENZA RAPPRESENTA IL VERO FATTORE CRITICO DI SUCCESSO DEL BUSINESS DEL GIOCO D'AZZARDO

  • "LA RACCOLTA E (È) LA DIPENDENZA"
    28/06/2019 10:58

    IL VOLUME DELLE GIOCATE DIVISO PER IL NUMERO DEI GIOCATORI CHE LE HANNO EFFETTUATE DENUNCIA LA DIFFUSIONE E LA GRAVITÀ DELLA DIPENDENZA DA GIOCO D'AZZARDO

  • "RIGIOCO E DIPENDENZA"
    13/05/2019 09:17

    ESISTE UNA STRETTA CORRELAZIONE TRA LE MODALITA' DI GIOCO "SUGGERITE" DAI MONOPOLI E LA COMPARSA DELLA DIPENDENZA

created by: Paolucci Simone