Cerca nei Posts:
Ricerca avanzata
Sottoscrivi Feeds
RSS | ATOM | RDF
Seguici
su Facebook

Archivi dei Posts

Ricerca per tag: 'azzardo'

LA PROBABILITÀ DI PERDITA

PROVIAMO A INDICARE, PER IL NUOVO GRATTA E VINCI, LE PROBABILITÀ DI PERDITA, INVECE DELLE IPOCRITE E FUORVIANTI PROBABILITÀ DI VINCITA


 Spesso cerchiamo le ragioni della preoccupazione nei confronti del gioco d'azzardo nei suoi "numeri", e ci sfugge che 51 gratta e vinci attivi rappresentano un dato più che preoccupante, un dato vergognoso, soprattutto per un governo che dichiara di volerlo contrastare e ridurre.

Proviamo a guardare il fenomeno attraverso una prospettiva diversa dalla solita che mistifica la pubblicità di prodotto e l'induzione al gioco, con la comunicazione ai giocatori, con effetti ovviamente deleteri.

L'ultimo gratta e vinci, attivo dal 7 febbraio, distribuisce, come primo lotto, 30.240.000 biglietti. Di questi, 22.007.784, il 72,77% sono perdenti. La probabilità di perdita del giocatore è di un biglietto ogni 1,37, tre biglietti su quattro sono perdenti.

Ma, naturalmente, c'è di più. Su 8.232.216 biglietti che contengono un premio, 3.931.200, il 47,74% del totale, restituiscono i tre euro del prezzo del biglietto, e servono a indurre il giocatore a rigiocare. Insomma, un biglietto su due, è "diversamente perdente", serve solo ad alimentare il rigioco.

La stessa funzione di altri 3.024.000 biglietti che assicurano al giocatore un "premio" da 5 euro, a fronte dei tre euro spesi per giocare. Un biglietto ogni 2,72 fa vincere al "fortunato" giocatore che se lo aggiudica un premio pari a una volta e mezzo la somma giocata. Non è proprio il premio che cambia la vita, a ben guardare non è neanche un premio, è un inganno che serve a non far uscire dal circuito del gioco alcuna risorsa introdotta.

L'abbiamo detto molte volte, ma forse è utile ripeterlo: il margine di guadagno per monopoli/concessionario è assicurato dalla quantità dei biglietti venduti. Ecco la ragione dei mini premi.

Ecco perché altri 1.209.000 biglietti restituiscono al giocatore 10 euro, da rigiocare subito, scambiando il tagliando con il premio con un altro da grattare, con la speranza di vincere il premio maggiore, da 200.000 euro.

Ce ne sono 6, nel primo lotto da 30.240.000 biglietti. La probabilità di vincita di un biglietto ogni 5.040.000 biglietti, gli altri 5.039.999, invece, sono perdenti.


Postato il 13/02/2019 15:10 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 363 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: gioco d'azzardo - gratta e vinci - probabilità di perdita

SOLO CHIACCHIERE E DISTINTIVO

IL 2019, PER I GIOCHI D'AZZARDO, È INIZIATO COME SI È CONCLUSO IL 2018: CON UN NUOVO GRATTA E VINCI


 In materia di giochi d'azzardo, i monopoli, cioè il Governo, hanno aperto l'anno nuovo, così come avevano chiuso quello vecchio, indicendo l'ennesima lotteria istantanea, la cinquantesima attiva.

Niente male per un Governo che a parole afferma di voler combattere il gioco d'azzardo, ritenendolo una vera piaga sociale e motivo di impoverimento delle famiglie.

Desta anche sospetto la coincidenza di due fattori: da una parte l'affermazione di voler contrastare il gioco d'azzardo e dall'altra quella che prevede una imposizione fiscale più aspra sui giochi d'azzardo, fingendo di credere che a pagare saranno le aziende del gambling e non i giocatori.

E' difficile, infatti, non pensare che l'aumento del prelievo fiscale non venga scaricato sui giocatori. La verità è che non è facile rinunciare ai dieci miliardi l'anno di entrate tributarie assicurate dai giochi d'azzardo, che si cerca di coonestare destinandole a finanziare opere e attività meritorie, come la lotta alla povertà.

Dimenticando, tuttavia, che le risorse utilizzate vengono prelevate dalle tasche delle persone, magari le stesse a cui vengono poi destinate, come rimedio all'impoverimento causato proprio dal gioco d'azzardo.

Mi illudevo, probabilmente come molti altri, che questo Governo affrontasse effettivamente e con misure concrete il dramma del gioco d'azzardo, che non è un problema economico, ma un vero dramma sociale e sanitario.

Invece, niente. Solo chiacchiere e distintivo.

Vietata, forse e in futuro, la pubblicità del gioco d'azzardo, senza toccare i meccanismi che generano entrate per monopoli e concessionari (il gatto e la volpe) e dipendenza per i giocatori.

L'ultima lotteria istantanea indetta, potremmo dire il gratta e vinci delle stelle, "multistar", su 36.480.000 biglietti mette in palio 2 premi massimi e 12.388.000 premi da 5 euro, pari al prezzo del biglietto.

Ma basta non tenerne conto ai fini della indicazione della probabilità di vincita, come previsto dal decreto dignità. Ma basta, o si tratta solo chiacchiere e distintivo?

Postato il 07/01/2019 16:24 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 1578 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: gioco d'azzardo - gratta e vinci

"SISTEMA" GRATTA & VINCI

IL FATTORE CRITICO DI SUCCESSO DEL GIOCO D'AZZARDO È LA DIPENDENZA, COME DIMOSTRANO I NUMERI DEI GRATTA & VINCI


 L' OFFERTA
Ci sono attivi oggi 47 gratta & vinci diversi e il loro prezzo varia da 1 a 20 euro. Solo come primo lotto hanno distribuito 1.735.680.000 tagliandi. Considerando un peso medio di 3 grammi a tagliando, oltre 5.200 tonnellate di materiale nocivo per la salute.
I gratta & vinci sono il gioco d'azzardo più praticato in Italia, da adulti e minori. Secondo i dati di un recente studio dell'Istituto superiore di sanità, nel 2017 hanno giocato d'azzardo 700.000 minori, a cui il gioco d'azzardo è vietato per legge e di questi, 70.000 soffrono di disturbi da gioco d'azzardo.
La distribuzione dei g&v è capillare, si trovano praticamente dappertutto, dal tabaccaio, dal giornalaio, al bar e con il loro prezzo diversificato, adatto a tutte le tasche, e il loro aspetto apparentemente bonario vengono acquistati e grattati da adulti e anche bambini.

IL MECCANISMO DI GIOCO
Prima del loro lancio, a metà degli anni novanta, il gioco d'azzardo era una esperienza che attraversava la vita delle persone in maniera sporadica, del tutto episodica.
I gratta & vinci, eliminando l'intervallo tra la giocata e l'estrazione, offrendo la possibilità di conoscere immediatamente l'esito del gioco, attraverso una estrazione personale, hanno avuto immediato successo.
Ma, per arrivare ai numeri di oggi, per trasformarli nel gioco "più amato dagli italiani", sono stati necessari altri stratagemmi, primo fra tutti la struttura del montepremi.

I PREMI DEI GRATTA E VINCI
Il primo aspetto che palesa una dipendenza credo sia la ripetizione e la frequenza del gesto, da considerare come effetto ma anche come causa del disturbo.
Assicurarsi questo risultato costituisce senza dubbio il fattore critico di successo del business, anche perché il margine viene calcolato sulla raccolta. Più si gioca, più monopoli e concessionario guadagnano.
Per raggiungere questo obiettivo, il sistema utilizzato è stato quello di inserire nel montepremi un numero enorme di "premi da rigioco", premi di piccolo importo per creare l'illusione della vincita, spingendo allo stesso tempo il giocatore a riprovare, a giocare ancora.
Senza preoccuparsi delle conseguenze che questo sistema avrebbe comportato sulla comparsa e sulla diffusione della dipendenza, favorendo modalità compulsive di gioco d'azzardo

I NUMERI DEI G&V
Il primo lotto dei 47 gratta e vinci oggi attivi ha distribuito 1.735.680.000 tagliandi, il numero complessivo non si conosce, dato che i monopoli non comunicano le ristampe. Di questi, 472.123.512, sono biglietti vincenti. Ma cosa vincono?
I premi dei gratta e vinci sono suddivisi in tre fasce: bassa, fino a 500 euro, media, da 501 a 10.000 euro, alta, superiori a 10.000 euro.
Su 472.123.512 biglietti vincenti, 471.949.614, il 99,96% del totale, contengono premi di fascia bassa. I biglietti vincenti premi di fascia media ammontano a 173.328, lo 0,036%, mentre i biglietti che contengono premi di fascia alta sono 574, lo 0,00012%.
Nella fascia fino a 500 euro, i biglietti vincenti che contengono premi pari alla giocata sono 242.440.960, il 51,35% del totale, più di uno su due, mentre i biglietti che contengono premi di importo di pochi euro in più, da 1 a 15 a seconda del prezzo del biglietto, sono 133.184.520, il 28,20%. Insieme, quasi l'80% del totale.

LA PROBABILITÀ DI VINCITA
Il numero dei biglietti vincenti i vari premi sui biglietti non viene indicato, ma la probabilità di vincita viene indicata "per fascia di premio", con effetti di totale ingannevolezza.
Con questo sistema vengono sommati tutti i biglietti vincenti presenti nella fascia e il risultato utilizzato come divisore del numero di biglietti totale, ottenendo in tal modo un quoziente molto basso e facendo così apparire la probabilità di vincita più favorevole di quanto sia in realtà.
Prendiamo, a titolo di esempio, il g&v "Mini doppia sfida", la prima lotteria istantanea che ha adeguato i biglietti ristampati, non si sa quanti, alle prescrizioni del decreto dignità, che vieta di tenere conto dei premi pari alla giocata nella determinazione della probabilità di vincita.
Fino a ieri, sul retro dei tagliandi la probabilità di vincere un premio "fino a 500 euro" era indicata in "un biglietto vincente ogni 3,99". Sui biglietti ristampati la probabilità di vincere un premio di fascia bassa viene indicata in "un biglietto vincente ogni 9,59".
In realtà, la probabilità di vincere un premio da 500 euro , compreso nella "fascia", è di un biglietto vincente ogni 384.000 .


Postato il 05/11/2018 09:45 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 3664 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: gioco d'azzardo - gratta e vinci - dipendenza

ALLARME AZZARDO

LO STUDIO DELL'ISS FORNISCE UNA FOTOGRAFIA DRAMMATICA E ALLARMANTE DEL FENOMENO DEL GIOCO D'AZZARDO IN ITALIA, ANCHE MINORILE


 Il 18 ottobre, l'Istituto Superiore di Sanità ha finalmente reso noti i risultati dello studio epidemiologico sul gioco d'azzardo in Italia, commissionato dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Il progetto, "Il gioco d'azzardo in Italia: ricerca, formazione e informazione", ha riguardato sia adulti che minori e i risultati ottenuti lanciano un gravissimo allarme, anche se non mancheranno gli "esperti" che ne daranno una lettura positiva e salvifica.

Nel 2017, gli italiani che hanno giocato d'azzardo sono stati 18.450.000. Di questi, un milione e cinquecentomila (8%) sono giocatori problematici (Giocatore problematico: giocatore con un comportamento di gioco che crea conseguenze negative per sé, per le persone a lui vicine (rete sociale) o per la comunità e può aver perso il controllo del suo comportamento.).

"Persone che faticano a gestire il tempo da dedicare al gioco, a controllare la spesa, alterando inoltre i comportamenti sociali e familiari" (Dott.ssa Roberta Pacifici, Dir. Centro nazionale dipendenze e doping ISS).

Questo dato fa giustizia dell'ipotesi irresponsabile, e interessata, che faceva coincidere il numero dei giocatori problematici con le poche migliaia in cura presso i SERD.

Un milione e quattrocentomila giocatori (7,5%) presentano un rischio moderato (Giocatore a rischio moderato: giocatore che avendo uno o più comportamenti dei giocatori problematici "la maggior parte del tempo" potrebbe avere conseguenze negative dal gioco d'azzardo.

Due milioni (10,8%) presentano un profilo a basso rischio (Giocatore a basso rischio: giocatore che pur avendo "a volte" uno o più atteggiamenti dei giocatori problematici, probabilmente non avrà alcuna conseguenza negativa dal gioco d'azzardo.).

Complessivamente, il 26% dei giocatori presenta profili di rischio, suddivisi in tre "gironi" con una deriva in una sola direzione, da un minore verso un maggiore grado di dipendenza.

Dall'indagine è emerso anche che quasi 700mila minorenni hanno giocato d'azzardo almeno una volta nell'ultimo anno. "Considerando che il gioco è vietato ai minori di 18 anni bisogna tenera alta l'attenzione alla luce del dato emerso dall'indagine: di questi 700mila che giocano d'azzardo quasi 70mila sono già giocatori problematici". (Dott.ssa Roberta Pacifici).

Insomma, i dati dimostrano ancora una volta, ove ce ne fosse bisogno, che la dipendenza rappresenta il più importante fattore di successo del gioco d'azzardo di Stato.

Postato il 21/10/2018 09:47 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 3786 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: Gioco d'azzardo - dipendenza - Istituto superiore della sanità

Pag. 1 di 89
  • "È LA SOMMA CHE FA IL TOTALE"
    18/02/2019 15:29

    NEL 2018, LA RACCOLTA RELATIVA AI GIOCHI D'AZZARDO, L'INSIEME DELLE GIOCATE, È STATA DI 107,3 MILIARDI, CHE DIVISI PER IL NUMERO DI GIOCATORI, SENZA "NEONATI COMPRESI", PORTA A UNA SPESA MEDIA DI 5.800 EURO.

  • "LA PROBABILITÀ DI PERDITA"
    13/02/2019 15:10

    PROVIAMO A INDICARE, PER IL NUOVO GRATTA E VINCI, LE PROBABILITÀ DI PERDITA, INVECE DELLE IPOCRITE E FUORVIANTI PROBABILITÀ DI VINCITA

  • "SOLO CHIACCHIERE E DISTINTIVO"
    07/01/2019 16:24

    IL 2019, PER I GIOCHI D'AZZARDO, È INIZIATO COME SI È CONCLUSO IL 2018: CON UN NUOVO GRATTA E VINCI

  • "G&V: I NUMERI DEL 2018"
    12/12/2018 14:52

    NEI NUMERI DEI GRATTA E VINCI SI SCORGONO LE RAGIONI DELLA DIPENDENZA DA GIOCO D'AZZARDO E I MECCANISMI CHE LA FAVORISCONO

  • ""SISTEMA" GRATTA & VINCI"
    05/11/2018 09:45

    IL FATTORE CRITICO DI SUCCESSO DEL GIOCO D'AZZARDO È LA DIPENDENZA, COME DIMOSTRANO I NUMERI DEI GRATTA & VINCI

  • "ALLARME AZZARDO"
    21/10/2018 09:47

    LO STUDIO DELL'ISS FORNISCE UNA FOTOGRAFIA DRAMMATICA E ALLARMANTE DEL FENOMENO DEL GIOCO D'AZZARDO IN ITALIA, ANCHE MINORILE

  • "RACCOLTA, SPESA E GIOCO D'AZZARDO PATOLOGICO"
    15/10/2018 10:36

    LA COMUNICAZIONE IN MATERIA DI GIOCO D'AZZARDO STA DIVENTANDO SEMPRE PIU' OMISSIVA E INGANNEVOLE, PER MASCHERARE IL REALE PERICOLO DI DIPENDENZA CHE IL GIOCO D'AZZARDO COMPORTA

  • "LETTERA APERTA AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO CONTE"
    03/10/2018 09:41

    UNA MISURA DI PREVENZIONE EFFICACE E IMMEDIATA PER FRONTEGGIARE L'EMERGENZA SOCIALE RAPPRESENTATA DAL GIOCO D'AZZARDO

created by: Paolucci Simone