Cerca nei Posts:
Ricerca avanzata
Sottoscrivi Feeds
RSS | ATOM | RDF
Seguici
su Facebook

Archivi dei Posts

Ricerca per tag: 'LOTTO'

L'ILLEGALITÀ DEL GIOCO D'AZZARDO "LEGALE"

I GIOCHI D'AZZARDO OFFERTI DAI MONOPOLI SONO DAVVERO LEGALI, CIOÈ RISPETTOSI DELLA LEGGE CHE LI DISCIPLINANO?


 Quando si parla di illegalità, si pensa, di solito a fenomeni macroscopici: le organizzazioni criminali, il narcotraffico e così via. Ma esiste anche una illegalità di minore evidenza, più diffusa, e altrettanto perniciosa.

Secondo il dizionario, il termine "legale" ha il significato di "conforme alla legge" e "legalità" indica la condizione di ciò che è conforme alla legge, il rispetto, l'osservanza della legge.

In materia di giochi pubblici con vincite in denaro, come viene ipocritamente definito l'azzardo di Stato, la legge che detta precise prescrizioni è senza dubbio il c.d. decreto Balduzzi, il decreto legge 158/2012, convertito nella legge 189/2012.

Il comma 5 dell'articolo 7 prescrive, dal primo gennaio 2013, che "Formule di avvertimento sul rischio di dipendenza dalla pratica di giochi con vincite in denaro, nonché le relative probabilità di vincita devono altresì figurare sulle schedine ovvero sui tagliandi di tali giochi.

Insomma, la norma impone l'obbligo di comunicare al giocatore, al momento della giocata, l'indicazione della probabilità di vincita, dando al gestore la possibilità ometterla e rimandare al sito per la consultazione, esclusivamente nel caso che i dati da inserire, per la loro entità, non possano essere contenuti nelle dimensioni delle schedine o dei tagliandi.

Osservando una schedina del 10 e lotto, uno dei giochi d'azzardo più pericolosi, con le sue estrazioni ogni 5 minuti, e in particolare il retro, si scopre che la probabilità di vincita non è indicata, ma compare solo, così come sulla ricevuta di gioco, la dicitura "Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco sui siti ...".

Occorre tuttavia sottolineare che le dimensioni della schedina consentono di inserire direttamente su di essa la probabilità di vincita, osservando in tal modo l'obbligo legale. Mentre sul retro compare una tabella con la struttura premi che occupa due terzi dello spazio disponibile, manca l'indicazione obbligatoria.

La tabella indica minuziosamente l'entità del premio che può essere vinto, con una giocata da un euro, a seconda dei numeri indovinati, ma non viene indicata quale sia la probabilità di vincerli.

Il gestore preferisce non indicarla, né sulla schedina, né sulle ricevute di gioco, in totale spregio della norma, usurpando, con il rimando al sito, una facoltà prevista per una situazione affatto diversa, la mancanza di spazio sulle schedine, che in questo caso non ricorre, utilizzata solo per eludere la norma.

Peraltro, l'indicazione relativa all'entità dei premi appare inutile, anzi dannosa, perché focalizza l'attenzione del giocatore sui premi conseguibili, invece che sulle probabilità di vincerli, come prescrive la legge.

Sotto questo aspetto, il gioco del 10 e lotto formalmente appare come un gioco "legale", perché offerto dai monopoli, ma sostanzialmente come un gioco illegale, in quanto non osserva una precisa norma di legge, peraltro dettata a tutela della salute dei giocatori.

Postato il 09/02/2018 10:32 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 2324 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: gioco d'azzardo - 10 e lotto - probabilità di vincita - decreto Balduzzi

"10ELOTTO, QUESTO SÌ CHE È UN GIOCO" ...D'AZZARDO

LA DIPENDENZA APPARE SEMPRE DI PIÙ IL VERO FATTORE DI SUCCESSO DEL GIOCO D'AZZARDO LEGALE


 Il 10eLOTTO è uno dei giochi d'azzardo dotati di maggiore potenzialità lesiva tra quelli offerti dai monopoli, capace da solo di mettere a repentaglio la salute dei giocatori, con la ripetitività ossessiva e la frequenza delle sue 228 estrazioni al giorno, una ogni 5 minuti, che vengono trasmesse su monitor piazzati presso i tabaccai.

Il 10eLOTTO nasce nel 2009 come formula opzionale e complementare del lotto, per giocare al 10eLOTTO insomma era necessario giocare al lotto, secondo due modalità, immediata o collegata alle estrazioni del lotto. Importo di giocata minimo € 0,50 e massimo 10, con premio massimo fissato a 500 mila volte la posta. (vincita massima, come per il lotto, € 6 milioni).

Era prevista inoltre, per stimolare opportunamente il rigioco, e "fidelizzare" i giocatori, un certo numero di "premi istantanei", uno ogni 14 giocate a livello nazionale, che restituiva ... 1 volta la posta, cioè la puntata. Una chiara induzione a rigiocare. Il pay out veniva fissato al 50% delle poste di gioco.

Già nel 2010, il 10eLOTTO si svincolava dagli angusti limiti del gioco del lotto, con le sue tre estrazioni settimanali, e veniva riconosciuto come modalità autonoma del gioco del lotto, con l'aggiunta di una modalità di estrazione, ad intervallo di tempo dalle 7 alle 24 ogni 5 minuti, con un totale massimo di 204 estrazioni al giorno, passando così da 3 estrazioni settimanali a ... 1.428.

L'importo minimo della giocata veniva raddoppiato, passando a un euro, mentre veniva prevista la possibilità di giocate multiple, fino ad un massimo di 20 concorsi, (quando era "collegato" al gioco del lotto, il limite era fissato in 6 concorsi), l'importo massimo della giocata fissato in € 200 e il premio massimo portato a un milione di volte la posta, sempre con il limite dei 6 milioni.

A conferma che la dipendenza rappresenta la vera chiave di volta nel successo del gioco d'azzardo, nel 2011 il numero massimo di concorsi successivi su cui puntare in una volta sola viene elevato a 50 (250 minuti, più di quattro ore) e la raccolta di gioco viene aumentata di due ore, resa quindi possibile dalle 5 alle 24 di tutti i giorni, con un massimo di 228 estrazioni giornaliere.

Intanto nel 2012, per il 10eLOTTO con modalità di estrazione frequente viene introdotta la possibilità di stampare le 50 giocate in un unico scontrino, per agevolare i giocatori e farli aspettare di meno, come chiarito dal provvedimento.

Infine, pochi giorni fa, è stato emanato l'ultimo provvedimento, almeno finora, che ha determinato che " L'importo complessivo dello scontrino emesso per più concorsi consecutivi per la partecipazione al 10eLOTTO in modalità frequente, dato dal prodotto della posta di gioco per singolo concorso per il numero totale dei concorsi richiesti, non può essere superiore a euro 1.000,00."

Due ultime notazioni: la raccolta del 10eLOTTO on line, con estrazione ogni 5 minuti, è effettuata dalle ore 0,00 alle ore 24 di tutti i giorni della settimana, mentre né sulle schedine, né sugli scontrini di gioco, compare ancora oggi l'indicazione della probabilità di vincita, obbligatoria dal gennaio 2013, in forza di quanto disposto dal decreto Balduzzi.

Come dice la pubblicità con Totti, "10eLOTTO, questo sì che è un gioco", sì ma d'azzardo.

Postato il 06/04/2017 12:00 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 1876 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: gioco d'azzardo - 10 e lotto - dipendenza

"10ELOTTO, QUESTO SÌ CHE È UN GIOCO" ...D'AZZARDO

LA DIPENDENZA APPARE SEMPRE DI PIÙ IL VERO FATTORE DI SUCCESSO DEL GIOCO D'AZZARDO LEGALE


 Il 10eLOTTO è uno dei giochi d'azzardo dotati di maggiore potenzialità lesiva tra quelli offerti dai monopoli, capace da solo di mettere a repentaglio la salute dei giocatori, con la ripetitività ossessiva e la frequenza delle sue 228 estrazioni al giorno, una ogni 5 minuti, che vengono trasmesse su monitor piazzati presso i tabaccai.

Il 10eLOTTO nasce nel 2009 come formula opzionale e complementare del lotto, per giocare al 10eLOTTO insomma era necessario giocare al lotto, secondo due modalità, immediata o collegata alle estrazioni del lotto. Importo di giocata minimo € 0,50 e massimo 10, con premio massimo fissato a 500 mila volte la posta. (vincita massima, come per il lotto, € 6 milioni).

Era prevista inoltre, per stimolare opportunamente il rigioco, e "fidelizzare" i giocatori, un certo numero di "premi istantanei", uno ogni 14 giocate a livello nazionale, che restituiva ... 1 volta la posta, cioè la puntata. Una chiara induzione a rigiocare. Il pay out veniva fissato al 50% delle poste di gioco.

Già nel 2010, il 10eLOTTO si svincolava dagli angusti limiti del gioco del lotto, con le sue tre estrazioni settimanali, e veniva riconosciuto come modalità autonoma del gioco del lotto, con l'aggiunta di una modalità di estrazione, ad intervallo di tempo dalle 7 alle 24 ogni 5 minuti, con un totale massimo di 204 estrazioni al giorno, passando così da 3 estrazioni settimanali a ... 1.428.

L'importo minimo della giocata veniva raddoppiato, passando a un euro, mentre veniva prevista la possibilità di giocate multiple, fino ad un massimo di 20 concorsi, (quando era "collegato" al gioco del lotto, il limite era fissato in 6 concorsi), l'importo massimo della giocata fissato in € 200 e il premio massimo portato a un milione di volte la posta, sempre con il limite dei 6 milioni.

A conferma che la dipendenza rappresenta la vera chiave di volta nel successo del gioco d'azzardo, nel 2011 il numero massimo di concorsi successivi su cui puntare in una volta sola viene elevato a 50 (250 minuti, più di quattro ore) e la raccolta di gioco viene aumentata di due ore, resa quindi possibile dalle 5 alle 24 di tutti i giorni, con un massimo di 228 estrazioni giornaliere.

Intanto nel 2012, per il 10eLOTTO con modalità di estrazione frequente viene introdotta la possibilità di stampare per le 50 giocate un unico scontrino, per agevolare i giocatori e farli aspettare di meno, come chiarito ipocritamente dal provvedimento.

Infine, pochi giorni fa, è stato emanato l'ultimo provvedimento, almeno finora, che ha determinato che " L'importo complessivo dello scontrino emesso per più concorsi consecutivi per la partecipazione al 10eLOTTO in modalità frequente, dato dal prodotto della posta di gioco per singolo concorso per il numero totale dei concorsi richiesti, non può essere superiore a euro 1.000,00."

Due ultime notazioni: la raccolta del 10eLOTTO on line, con estrazione ogni 5 minuti, è effettuata dalle ore 0,00 alle ore 24 di tutti i giorni della settimana, mentre né sulle schedine, né sugli scontrini di gioco, compare ancora oggi l'indicazione della probabilità di vincita, obbligatoria dal gennaio 2013, in forza di quanto disposto dal decreto Balduzzi.

Come dice la pubblicità, quella con Totti, "10eLOTTO, questo sì che è un gioco", sì ma d'azzardo.

Postato il 06/04/2017 11:32 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 3814 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: gioco d'azzardo - 10 e lotto - dipendenza

GIOVANI E GIOCO D'AZZARDO

A CASUA DELLA STRATEGIA DI DISINFORMAZIONE DEI MONOPOLI, UN GIOCATORE SU DUE GIOCA D'AZZARDO SENZA NEPPURE SAPERLO


 Nel corso di una indagine elaborata dall'Istituto Superiore di Sanità, i cui risultati sono stati presentati al Parlamento, agli intervistati è stata mostrata una lista di giochi e per ognuno è stato chiesto di indicare quali potessero essere definiti giochi d'azzardo: più della metà degli intervistati ha risposto di non ritenere gratta e vinci, lotto e win for life giochi d'azzardo.

La strategia di disinformazione perseguita dai monopoli ...

CONTINUA A LEGGERE

Postato il 27/01/2017 18:00 in 'Aggiornamenti' da Asteriti Avv. Osvaldo
Il post è stato visitato 2057 volte.
Ci sono 0 commenti, commenta anche tu.
Tags: GIOCO D'AZZARDO - GRATTA E VINCI - LOTTO

Pag. 1 di 6
  • "L'INVASIONE DEGLI "ULTRACORPI""
    27/02/2018 09:32

    QUANTE SONO LE LOTTERIE ISTANTANEE ATTIVE OGGI, QUANTI BIGLIETTI DISTRIBUISCONO E QUALE PROBABILITÀ DI VINCITA ASSICURANO?

  • "LA FOTOGRAFIA DELLA DIPENDENZA"
    20/02/2018 09:09

    IL DATO DELLA "RACCOLTA" RAPPRESENTA UNA ISTANTANEA DEL PERICOLO DIPENDENZA DA GIOCO D'AZZARDO, ECCO PERCHÉ È STATA CANCELLATA E SOSTITUITA DALLA "SPESA"

  • "I MONOPOLI OSCURANO LA "RACCOLTA""
    27/01/2018 11:02

    I MONOPOLI FANNO SPARIRE IL DATO DELLA RACCOLTA DALLA COMUNICAZIONE DEI DATI SUL GIOCO

  • "AZZARDO E TUTELA DELLA SALUTE"
    20/01/2018 10:13

    FIRMIAMO LA PETIZIONE PER COSTRINGERE LA LORENZIN A PROMUOVERE UNA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SUL GIOCO D'AZZARDO, COME PER IL FUMO E ALTRE EMERGENZE SANITARIE

  • "RIPROVA, SARAI PIÙ FORTUNATO"
    15/01/2018 10:25

    CI SONO 51 LOTTERIE ISTANTANEE ATTIVE, TUTTE IN GRADO DI ASSICURARE UN MARGINE DI GUADAGNO SIGNIFICATIVO ... AL CONCESSIONARIO E AI MONOPOLI, A SPESE DEI GIOCATORI

  • "IL PREMIO INESISTENTE"
    08/01/2018 16:41

    ANCHE NELL'ULTIMO G&V, PIU' DELLA META' DEI PREMI IN PALIO NON FA VINCERE NIENTE

  • "DAL GIOCO D'AZZARDO AL GAP"
    15/11/2017 10:15

    NELLA LORO COMUNICAZIONE, FALSA E INGANNEVOLE, IN MATERIA DI GIOCO D'AZZARDO, I MONOPOLI MILLANTANO LA CATEGORIA DEL GIOCO RESPONSABILE, SENZA AVVERTIRE I GIOCATORI DEI REALI RISCHI CHE CORRONO

  • "LA PROBABILITÀ DI PERDITA NEI G&V"
    20/10/2017 16:42

    INVECE DELLA PROBABILITÀ DI VINCITA, COMUNQUE NON INDICATA, SUI BIGLIETTI GRATTA & VINCI DOVREBBE ESSERE INDICATA LA PROBABILITÀ DI PERDITA

created by: Paolucci Simone